“La rivolta delle gladiatrici” a.k.a. “The Arena”, USA, 1974

9panrx3faeokchyj0guj0rtbuxz gladiatrici 10-arena-1974-wrong-side

Altri titoli:
Regia
: Steve Carver
Cast: Margaret Markov, Pam Grier, Lucretia Love
Genere
: erotico, azione
Durata: 90′

Trama:  Un’incursione romana annienta un villaggio in Gallia; l’unica sopravvissuta è la sacerdotessa Bodicia, che viene catturata e venduta come prigioniera al mercato degli schiavi. Lo stesso destino tocca, contemporaneamente, alla danzatrice Mamawi, catturata in Nubia, e ad altre due ragazze, che vengono acquistate tutte insieme da Priscium a Brindisi, per diventare schiave a palazzo e soddisfare i bisogni sessuali dei gladiatori all’arena di Timarcus. Quando gli spettatori, annoiati dai soliti scontri, iniziano a volere di più, l’uomo decide di far combattere le donne, che vengono allenate dall’esperto Septimus e gettate nell’arena, dove però non si dimostrano abbastanza agguerrite. La folla inizia quindi a reclamare il sangue e le ragazze sono obbligate ad uccidersi tra di loro. E’ allora che Bodicia e Mamawi progettano la fuga…

gal_4

L’entrata in scena delle gladiatrici.

Peplum (film in costume ambientato in epoca greco-romana) low budget uscito fuori tempo massimo (il genere ebbe il suo apice tra gli anni ’40 e i ’60) che, per una volta, porta il tema dei gladiatori (sfruttato moltissimo nel genere) in versione femminile, con risultati tutto sommato piuttosto buoni. Primo lungometraggio per il newyorkese Steve Carver (“F.B.I. e la banda degli angeli“, “Quella sporca ultima notte“), insieme all’italiano Joe D’Amato (che ha girato le scene d’azione) con due protagoniste (Pam Grier e Margaret Markov) che già avevano lavorato insieme un paio di anni prima nell’exploitation “Donne in catene” (orig. “Black Mama, White Mama“) di Eddie Romero.

sddefault

AGAIN, la scena del bagno è un must.

Abbastanza interessanti le scene dei combattimenti nell’arena, con gladi, reti e tridenti, come da tradizione, girate con la sovrintendenza di Joe D’Amato (non accreditato), che sicuramente qui ha trattenuto la mano sul versante gore/eros. Poche le scene sanguinose, infatti, con l’obiettivo che tende a non concentrarsi mai sulle uccisioni e il sangue che fuoriesce con parsimonia.

640

La Grier e la Markov già insieme nel ’73.

Anche sul versante nudità, siamo ad un livello molto basso. A parte la classica scena del bagno, praticamente un must nel cinema anni ’70, e una breve scena in cui una delle ragazze viene stuprata da un romano, le ragazze sono sempre vestite, siano esse in tunica o, nell’arena, con armature in cuoio ed elmi. Nonostante non siano mai molto scoperte, le attrici risultano comunque molto sensuali, specie la giovane Pam Grier, bellezza di colore dal fisico asciutto, ma con uno splendido seno naturale (unico motivo per cui mi sono avvicinato alla pellicola, lol). Anche le altre sono piuttosto carine, con Deidre (Lucretia Love) che sicuramente si conferma come personaggio più carismatico, sempre su di giri per via degli effetti dell’alcool di cui sembra non esser mai sazia.

Senza-titolo-8

Lucretia Love, Rosalba Neri, Pam Grier e Margaret Markov ♥

Nonostante venga spesso considerato un B-movie di dubbia qualità, si può dire che questa pellicola rientri in pieno nel genere peplum e lo fa con buoni risultati, grazie ad un ritmo sostenuto e ad una recitazione piuttosto credibile. Certo, la trama non propone nulla di nuovo e risulta presto alquanto banale e scontata, ma il film si lascia guardare fino alla fine senza annoiare. Sicuramente (data anche la presenza di Joe D’Amato), ci si sarebbe potuti aspettare qualche scena di nudo in più, con una maggior concentrazione sul rapporto tra le ragazze e i gladiatori, ma anche così resta un film carino e guardabile.

TETTO-1

A parte la scena del bagno, niente nudi…

SANGUE-1

Giusto qualche inforcata e colpo di spada.

stelle-3

Giudizio finale: 6/10

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...