“La chiamavano Susy Tettalunga”, USA, 1974

ap2607k-chesty-morgan-deadly-weapons deadly_weapons_poster_03 9xyrr7we

Altri titoli: Deadly Weapons”, Teuflische Brüste”, “O Super Busto
Regia
: Doris Wishman
Cast: Chesty Morgan, Harry Reems, Richard Towers
Genere
: erotico, azione
Durata: 75′

Trama: Crystal è una donna che lavora per la moda e si fa notare per i suoi seni enormi. Il suo futuro sposo Larry, invece, è un delinquente che riesce a sottrarre  e a nascondere un’agenda durante una missione con la sua banda, così da poterla vendere e diventare ricco. Quando il suo boss scopre l’inganno, però, manda il suo compagno ad ucciderlo, mentre Crystal è al telefono e sente tutto. L’amore spingerà la donna a cercare vendetta.

Senza-titolo-3.jpg

37 anni portati non troppo bene, ma… TETTE!

Grande cult del cinema exploitation anni ’70, segna l’esordio cinematografico della pettoruta Chesty Morgan, aka Liliana Wilczkowska, “ballerina” di origini polacche scoperta proprio dalla regista Doris Wishman. Il genere è quello del crime movie, molto all’acqua di rose e ancor meno credibile, per via di una recitazione ai limiti dell’amatoriale e di un modus operandi di Crystal davvero poco credibile. Oltre a lei, torna sullo schermo anche il famoso porno attore Harry Reems (aka Peter Long), visto solo due anni prima nel film “Gola Profonda”, ma qui non sfoggia mai le sue doti e si limita a fare il gangster…

31699.png

Porn actor Harry Reems is so 70’s!

Per quanto riguarda il versante del gore e della violenza, siamo ai minimi storici, poiché si possono vedere giusto un paio di sparatorie da niente e anche la vendetta di Crystal ha ben poco di cruento. Il modus operandi, assurdo a dir poco, è il medesimo per entrambe le vittime e, più che spaventare o inorridire, lascia alquanto allibiti e increduli: dopo aver drogato le vittime con una pastiglietta di narcotico nascosta tra le tette e sciolta in un bicchiere, la procace vedova si slaccia il reggiseno, alza le braccia al cielo e avvicina le sue bombe al viso dei ‘malcapitati’, che muoiono per asfissia. Direi che 1. è la morte che tutti i tettomani vorrebbero avere e 2. è impossibile non farsi qualche domandina sulla storyboard del film, quando sarebbe stato molto più semplice scegliere una pastiglia di veleno o strozzarli con un cuscino, anziché con il suo petto…

Senza-titolo-1

All’epoca la scena del bagno/doccia era un must

Il punto forte (anzi, i punti!) del film sono ovviamente le tette gigantesche di Chesty Morgan, totalmente naturali e vittime di una forza di gravità incontenibile, vere protagoniste della pellicola, nonché le “armi letali” da cui il titolo originale. Purtroppo, però, il film si allontana parecchio dai cugini sexploitation degli anni ’70, risultandone una versione molto alleggerita e priva di quel bagaglio di scene di sesso che si portavano dietro molte pellicole simili. Crystal è quasi l’unica attrice donna del film (insieme alla compagna di uno dei due assassini) e l’unica a mostrare varie volte i suoi seni cadenti (sì, solo quelli che, insieme ad un nudo integrale di schiena, sono le uniche scene di nudo in tutto il film) a favore di camera. Ovviamente, date le dimensioni disumane, il gioco vale la candela…

Senza-titolo-1.jpg

Chesty Morgan oggi, dopo una vita poco felice.

Il risultato, ahimé, non è nulla di eccezionale, vuoi per la recitazione penosa, vuoi per la trama di poco conto o vuoi per la penuria di scene interessanti dal punto di vista erotico. Certo, i cultori del genere non possono certo lasciarselo sfuggire, ma per tutti gli altri sarà dura resistere anche solo 5 minuti. Una piccola parentesi sulla povera Liliana che, oltre a non aver (ovviamente) avuto una carriera cinematografica molto prolifica (4 film in tutto, tra il ’74 e l’81), ha avuto anche una vita piuttosto tragica: i suoi genitori furono uccisi dai Nazisti in Polonia, così lei fu mandata in orfanotrofio in Israele. Qui conobbe il suo primo marito, Joseph Wilczkowski, che la portò a New York, dove -dopo averle dato due figli- morì in una rapina. Nel ’74 sposa Dick Stello, campione di baseball, ma alcuni anni dopo i due si separano e nell’87 lui muore schiacciato tra due auto parcheggiate colpite da una terza, dopo che solo 3 anni prima anche sua figlia maggiore era morta in un incidente stradale poco più che ventenne. Ora, a 78 anni, Liliana vive in Florida e fa volontariato…

TETTO-2

Le tette di Crystal sono enormi, ma niente sesso.

SANGUE

Niente splatter nè violenza degna di nota.

stelle-2

Giudizio finale: 4/10

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...