“Sexual Parasite” a.k.a. “Killer Pussy”, Giappone, 2004

sexual-parasite-killer-pussy 1504_6413

Titolo originale:Kiseichuu: kiraa pusshii
Regia: Takao Nakano
Cast: Sakurako Kaoru, Natsumi Mitsu, Masanori Miyamoto
Genere: Splatter, Ecchi, J-sploitation
Durata: 60′

Trama: Una spedizione scientifica si reca in Amazzonia alla ricerca di una rara specie di pesce, l’Apalacha Mogeta, una bestia con l’abitudine di insinuarsi nella vagina della malcapitata vittima… Un anno dopo, in Giappone, cinque ragazzi sono in viaggio per un week-end a base di sesso e alcolici e, rimasti appiedati, si rifugiano in una casa abbandonata e risvegliano per sbaglio il temibile parassita.

photo-sexual-parasite-killer-pussy-kiseichuu-kiraa-pusshii-2004-1

La celebre vagina killer.

Alcuni anni fa, si è fatto un gran parlare di un particolare film americano, “Denti” (’07), dalla trama bizzarra e con protagonista una donna affetta da “vagina dentata”. Non è dato sapere se Mitchel Lichtenstein, nell’ideare quella pellicola, si sia ispirato a questo film ma, ben 3 anni prima di lui, un regista giapponese aveva già avuto un’idea simile, ovvero girare un film sulla pericolosissima vagina killer. Se nel film americano si trattava di una deformità genetica, qui si parla invece di un particolare parassita che ama impossessarsi dei corpi di giovani donne per procurarsi il cibo e continuare il contagio.

vlcsnap-2016-03-19-00h43m33s788

Le tettone di Kaoru e un intestino killer

Stranamente, non ho ancora avuto occasione di guardare “Denti”, ma questo è un film completamente assurdo, il cui unico scopo è quello di mettere in mostra tette, culi e tanto tantissimo sangue, budella e quant’altro. Come genere può ricordare molto i film del periodo ‘erotico-esotico‘ di Joe d’Amato, come “Porno Holocaust“. La sceneggiatura è alquanto banale e i dialoghi totalmente insulsi e privi di qualsivoglia profondità. Il tutto è messo lì con l’unico scopo di mostrare tette e sangue, “(s)exploitation” all’ennesima potenza. Non ci si discosta molto, quindi, da un generico hentai del filone tentacle rape, anche se in questo caso si tratta più che altro di un enorme verme parassita (che, però, per forma e ‘modus operandi‘ ricorda fin troppo un tentacolo). Buono il livello di splatter, sempre unito al tema sessuale, con peni strappati a morsi, budella in bella vista e lotte nel sangue (anziché nel fango), tutte rigorosamente nude.

gra_sakurako070

Le tettazze da urlo di Sakurako Kaoru ♥

Il cast non è stato certo selezionato per le sue qualità recitative, rivelandosi alquanto scadente, ma le tre attrici protagoniste arrivano direttamente dal mondo dei J-AV (è, quindi, evidente che sono state scelte per ben altri motivi xD). Tra tutte, spicca sicuramente Sakurako Kaoru, vera ‘eroina’ del film, ma soprattutto portatrice sana di tette con la T maiuscola (QUI alcune foto). Attrice porno tra il 2002 e il 2005, ha poi preferito dedicarsi al V-cinema (film direct-to-DVD) e al genere pinku, per cui ha ricevuto il premio di “Best actress” nel 2007. Carine (anche se meno formose) pure le altre due, Natsumi Mitsu e Sachika Uchiyama. Totalmente dimenticabili gli attori maschili, invece.

vlcsnap-2016-03-19-00h44m53s111

Effetti speciali fatti con Paint? o.O

Gli effetti speciali sono sicuramente il vero colpo basso di questa pellicola, raggiungendo l’apice del trash, sia per quanto riguarda gli effetti in digitale, realizzati probabilmente con Paint o programmini simili, da quanto sono terribili, sia per quanto riguarda i vermoni di gomma, robe che neanche Dodò dell’Albero Azzurro… Alcune trovate geniali ci sono, però, come le inquadrature dall’interno, con il verme che percorre le tube di Falloppio, ma errori magistrali (per es. quando viene cavato un occhio ad una delle ragazze e, nella scena dopo, questa ne ha ancora due, come se non fosse successo nulla) fanno affondare tutto.

In definitiva, il film si lascia guardare senza problemi, grazie anche alla durata non eccessiva, ma va consigliato solo ai patiti del genere sex/gore giapponese, consapevoli che ciò che vedranno sarà riassumibile in tre punti essenziali: trama ridicola, tette e budella.

TETTO-3

Niente nudi integrali, ma sei belle tette

SANGUE-3

Nulla di eccessivo, ma sangue e budella di fuori

stelle-2.5

Giudizio generale: 5/10

~ film originariamente recensito QUI il 22/03/09 ~

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Erotico, Giappone, horror, Movies, trash e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...