“The Haunted World of El Superbeasto”, USA, 2009

The-Haunted-World-of-El-Superbeasto-images-27c7a84e-f408-4373-8e15-69ba4790b67 elsuperbeastoposter c6z3onlq

Regia: Rob Zombie
Cast: Tom Papa, Sheri Moon Zombie, Paul Giamatti, Rosario Dawson
Genere: Cartoon, Azione, Commedia
Durata: 77′

Trama: El Superbeasto, ex lottatore mascherato di lucha libre (wrestling messicano), ora si guadagna da vivere come regista ed attore di strampalate pellicole porno. Un giorno, recatosi come sempre a rilassarsi nel suo strip club di fiducia, conosce la stripper Velvet von Black e se ne invaghisce, appena in tempo per vederla rapita da un grosso scimmione parlante, tirapiedi del malvagio Dr. Satan. Quest’ultimo vuole sposarla entro la mezzanotte, così da ottenere incredibili poteri malvagi. Saranno El Superbeasto e sua sorella Suzi-X (insieme al fido aiutante robotico Murray) a correre a salvarla, per impedire al malvagio aspirante re degli inferi di riuscire nel suo intento.

sherimoonzombierobzombiefusefangoria2xiwqjxneinl

Rob Zombie con la moglie Sheri Moon Zombie.

Rob Zombie può piacere come no (a me non piace granché, per dire), ma è indubbio che non ama starsene con le mani in mano e adora impegnarsi in vari ambiti: famoso per essere stato (fino al ’98) il frontman del gruppo alternative metal White Zombie, ha poi intrapreso una carriera da solista, ma è anche regista, sceneggiatore e produttore di una manciata di pellicole horror, a partire dalla coppia “La casa dei 1000 corpi” (’03) e “La casa del diavolo” (’05), oltre ad essere il creatore di un fumetto di genere exploitation chiamato, per l’appunto, “The Haunted World of Superbeasto”, da cui è tratto questo lungometraggio straight-to-dvd.

vlcsnap2010052522h27m42

El Superbeasto non è di certo il tipico eroe…

Lo stile grafico ricorda quello dei cartoni in onda su Cartoon Network (Jonny Bravo & co.), con uno stile molto adulto, ricco di tette, culi, scene di sesso e alcuni momenti splatter. Stupisce sapere che, all’interno dello staff tecnico, compaiono alcuni disegnatori della Disney. Nonostante una qualità non eccelsa dei disegni e delle animazioni, questo stile ‘cazzone’ si adatta perfettamente alla pellicola. I personaggi sono tutti ben definiti, con caratteristiche volutamente esagerate, e si va dal cinico ed egoista El Superbeasto, alla sboccatissima e venale Velvet, doppiata magistralmente da un’incredibile Rosario Dawson, con un dialetto da ghetto bitch nigga meraviglioso! La trama non è certo nulla di particolarmente originale, ma le continue gag assurde e alcuni personaggi fuori di testa (vedi il vecchio sull’ascensore, con i suoi tipici discorsi di circostanza, della serie “non ci sono più le mezze stagioni”) riescono a tenere alta l’attenzione.

elbeast_shot16l

Tette e sangue non si fanno certo desiderare…

Il target è sicuramente molto alto, nonostante si tratti di un cartone animato, a causa dei continui riferimenti sessuali, della violenza e di tette e culi che si fanno attendere giusto pochi minuti, tra una scena e l’altra. La grafica stilizzata, ovviamente, rende tutto meno eccitante, rispetto al classico hentai giapponese disegnato da artisti esperti, trasformando il tutto in un exploitation adatto più a due risate sorseggiando una birra con gli amici, magari dopo qualche tiro di canna.

el_superbeasto_vs_myers1-550x309

Autocitazionismo: Otis, Michael Myers e Captain Spaulding.

Il vero punto forte della pellicola, però, è sicuramente l’evidente passione (e cultura) per il genere horror di Rob, che non si risparmia con decine e decine di citazioni, parodie e storpiature di film e serie tv, dai primi horror in bianco e nero a film più recenti, tra cui anche i suoi, ovviamente. I più evidenti sono di sicuro le varie comparse sparse qui e lì, tra cui Otis e Captain Spaulding (“La casa dei 1000 corpi” e “La casa del diavolo”), Michael Myers (“Halloween – The Beginning” e “Halloween II”), “La moglie di Frankenstein”, Jack Torrence (“Shining”), l’alieno di “Alien”, il mostro della palude, il robot umanoide (“The Phantom Creeps”), ma ce ne sono davvero tantissime, anche meno immediate, come la celebre musichetta del “Benny Hill Show” (che non è horror, ma ci sta bene cmq), la scena del secchio di sangue (“Carrie – Lo sguardo di Satana”) e moltissime altre (elencate per esteso QUI), tra cui anche semplici frasi citate pari pari. Questo farà sicuramente la gioia dei fan del genere, che si divertiranno a riconoscere questa e quest’altra citazione, con risate assicurate. In definitiva, non si tratta certo di un film d’animazione che possa concorrere all’Oscar, ma è un filmetto ottimo per farsi due risate in salsa horror.

TETTO-3

Tette, culi e sesso a tutto spiano.

SANGUE-2.5

Niente di esagerato, ma il sangue non manca

stelle-3

Giudizio finale: 6/10

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Azione, Cartoons, commedia, Erotico, horror, USA, zombie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a “The Haunted World of El Superbeasto”, USA, 2009

  1. eda ha detto:

    ahah! geniale sto blog! :* baci tesoro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...