“Gancore Gud” (a.k.a. “Dead Bite”), Thailandia, 2011

gan_core_gud gan_core_gud_ver2_xlg dead-bite-gancore-gud-2011

Regia: Apisit Opasaimlikit (a.k.a. Joey Boy)
Cast: Apisit Opasaimlikit, Natee Aekwijit, Suranan Chumtaratorn, Kittipong Khamsat, Nattawat Srimawk, Witchapan Narkprasom, Lakana Wattanawongsiri
Genere
: horror, commedia
Durata: 94′
Produzione: Phra Nakorn Film Co. Ltd.
Budget: 12.000.000 THB

Trama: Joey Boy e la sua crew di rapper Gancore Club vengono ingaggiati per quella che sembra essere una vera pacchia: dovranno semplicemente passare qualche ora a bordo di una nave insieme ad una manciata di belle ragazze in bikini, mentre un fotografo immortalerà i momenti migliori. Quando qualcuno propone di ormeggiare nella vicina Mermaid Island per fare delle foto sulla spiaggia, le cose prenderanno una brutta piega. Gli sventurati, infatti, verranno subito attaccati da un’orda di zombie e nemmeno fuggire in mare li salverà, poiché anche le acque sono abitate da terribili non-morti anfibi. I pochi sopravvissuti decideranno di trovare rifugio all’interno delle foreste, ma anche lì troveranno una minaccia, nelle fattezze di un gruppo di selvaggi cannibali.

Primo film da regista per Apisit Opasaimlikit (in arte Joey Boy), attore e rapper thailandese classe ’75, in attività dagli anni ’90, che ha collaborato con artisti internazionali quali will.i.am e che qui dimostra un’enorme passione per il genere horror, essendo sia attore protagonista, che regista e sceneggiatore. Il risultato, certo, non è un capolavoro, ma bisogna dire che la passione c’è e si vede e le idee divertenti non mancano. Il titolo della pellicola, “Gancore Gud” è un gioco di parole in assonanza con il nome del gruppo rap protagonista del film (i Gancore Club) e significa “il morso dei Gancore” (o “morso mortale”, che è poi il titolo internazionale, “Dead bite“). La pellicola mixa sapientemente generi diversi e sono palesi le fonti a cui si ispira, a partire dai primi cannibal movie anni ’80, da cui trae l’ambientazione forestale e il gruppo di selvaggi cannibali, passando per i classici zombie movie e sporcando il tutto con una dose di umorismo tipicamente asiatico e una sceneggiatura strampalata che ricorda quella dei trash-movies giapponesi (ma senza raggiungerne i livelli esagerati).

2010_faster_0021

Le gnocche che durano pochi minuti.

Se come me, siete interessati all’idea di vedere una marea di belle donzelle asiatiche in bikini (o senza), che poi è anche il motivo per cui i Gancore Gud accettano di partire per la gita in barca che metterà in moto il film, vi avverto subito che di carne al fuoco ce n’è davvero poca. Le ragazze ci sono, sono parecchie e tutte piuttosto carine (anche se rispecchiano i canoni thailandesi e asiatici in generale, quindi non aspettatevi forme molto generose, ma gambette, braccine, ventri piatti e seni altrettanto piatti, tranne la bella Bowling). Il problema, però, è che durano il tempo di un videoclip musicale: le vediamo ballare e fare le sceme a bordo della nave per i primi minuti ma, appena arrivate sull’isola, vengono subito sterminate TUTTE e non si vedono più fino alla fine. Fatta esclusione per altri due personaggi femminili, che cmq non avranno mai moltissimo spazio e non compariranno mai molto svestite, i protagonisti in scena sono sempre uomini (o zombie). Quindi, se speravate di vedere un film pieno di tette e culi, siete completamente fuori strada e vi consiglio di lasciar perdere.

deadbite_zombie

La scena dell’assalto iniziale in spiaggia.

Anche gli amanti del gore, resteranno delusi, data la penuria di scene realmente violente, per lo più fuori schermo. Di sangue quasi non se ne vede e, a parte l’assalto iniziale e un altro breve scontro finale, si tratterà per lo più di fuggire e/o nascondersi dagli zombie e dagli abitanti dell’isola. Ottima notizia per i più deboli di stomaco, quindi, che non dovranno girare la testa in occasione di squartamenti e sbudellamenti vari, ma sicuramente meno gradita a chi era alla ricerca di emozioni forti e sostanziosi spargimenti di sangue.

coverstory_377_6_1

Due dei “coraggiosissimi” Gancore Gud.

Passando al lato comico, devo dire che, nonostante non si rida mai a crepapelle, il film ha i suoi momenti comici e non mancano alcune citazioni che faranno sicuramente sorridere i più nerd (in primis, quando due dei protagonisti mangiano un fungo allucinogeno e iniziano a saltellare come Super Mario con tanto di *tling*, per poi avere allucinazioni assurde). Si tratta, per il resto, di una comicità molto leggera, lontana dagli apici del trash asiatico e quindi molto più “digeribile” anche da chi non è un patito del genere.

2nuhv8l

La bella e la bestia.

Infine, passando alla tecnica, il film si lascia guardare con piacere. Sia la recitazione, che trucco ed effetti raggiungono la sufficienza piena; non si avvicinano neanche lontanamente alla qualità di un bel film, ma si tengono alla larga anche dagli strafalcioni dei prodotti Asylum, con un cast tutto sommato più che credibile (sempre nello stile del genere, con i protagonisti tontoloni) e un dosaggio molto limitato, per quanto riguarda trucco ed effetti speciali, così da non rendere troppo evidente il budget sicuramente non altissimo.

Ancora una volta, sono stato tratto in inganno dal trailer e dalle locandine, aspettandomi così una vagonata di gnocca (semi)nuda, tanto gore e risate a crepapelle. Ma così non è stato. Ma si tratta comunque di un filmetto leggero, buono per una serata in spensieratezza; la trama unisce abbastanza intelligentemente zombie, sirene e altre minchiate, senza mai scadere nel trash vero e proprio, ma stazionando più nel filone dell’horror comedy (zombie comedy?). Il ritmo è veloce per tutta la durata, così che non ci si annoia mai, e i Gancore Club, pur non essendo attori professionisti, risultano divertenti e molto meno ‘cani’ di altri attoruncoli di serie B. Personalmente, mi aspettavo qualcosa di più, dal punto di vista del gore e della gnocca, per cui ammetto di essere rimasto per metà deluso. Ma, tutto sommato, non è stato poi così male.

TETTO-0.5

Zero nudi. Solo qualche ragazza in bikini.

SANGUE-1

Giusto un paio di assalti zombie, ma di sangue e violenza si vede davvero poco.

stelle-2.5

Giudizio finale: 5/10

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Azione, commedia, Erotico, horror, Movies, Thailandia, zombie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...